PROGETTI DI TELEMEDICINA in collaborazione con TELEMEDWARE Srl (Italy)

www.telemedware.com          

www.telemedware.com/prodotti


 

TELEDIABETOLOGIA:

Telemonitoraggio della glicemia e di altri parametri vitali con registrazione e trasmissione dati

 

TELEDERMATOLOGIA:

Applicazione di soluzioni di telemedicina per la diagnosi a distanza di immagini dermatologiche, o il processo decisionale in ausilio alla diagnosi o alla terapia per gli Specialisti di Dermatologia.

 

PATOLOGIE CRONICHE:

Telemonitoraggio di pazienti affetti da scompenso cardiaco, COPD, ecc.ra

 

 

PROGETTO TELEPARKINSON

 

Razionale:

Un’esatta classificazione, quantificazione e documentazione delle fluttuazioni motorie costituisce il fondamento del trattamento di Pazienti affetti da Parkinson allo stadio avanzato.

E´auspicabile in questo senso uno strumento che permetta una esatta documentazione del trattamento in ambiente familiare, in modo da consentire una terapia adattata ai sintomi individuali del Paziente, in considerazione delle fluttuazioni motorie giornaliere, dei carichi fisici e mentali nonchè dell’ambiente sociale.

TMS Telemedicine South Tyrol  propone uno strumento, che garantisce una connessione fra la terapia ospedaliera e l’assistenza domiciliare, in modo da permettere alle conoscenze degli Specialisti che seguono i Pazienti ambulatorialmente, un concetto unitario di Terapia, basato sulle specificità individuali dei Pazienti ed offrendo contemporaneamente al Paziente un minor ricorso - accesso alla struttura ospedaliera, con vantaggi significativi in termini di costi diretti ed indiretti.

 

Metodi:

La telemedicina applicata nell’assistenza al paziente affetto da Parkinson prevede l’installazione temporanea (circa 30 giorni) di un sistema di osservazione presso il domicilio del Paziente. Dopo una breve istruzione ed introduzione tecnica,  il Paziente, Familiare o Caregiver può eseguire subito delle registrazioni video con l’ausilio di una videocamera.

Generalmente dopo una breve degenza ospedaliera ha inizio una terapia individuale prescritta dallo Specialista Ospedaliero, ma in questo caso eseguita domiciliarmente, in modo video sorvegliato.  Il Paziente esegue per circa due (2) minuti i movimenti corrispondenti alle istruzioni impartite dallo Specialista. Le istruzioni standardizzate permettono in seguito allo Specialista Ospedaliero un’esatta valutazione dei problemi motori del Paziente. Le disposizioni verranno aggiustate nel corso della terapia, in funzione dell’analisi da parte dello Specialista delle sequenze video . E`possibile inoltre, secondo le necessita´, attivare un programma per esercizi fisioterapeutici.

Il Paziente deve completare da due (2) a quattro (4) Video al giorno. Tale numero di video sequenze può garantire una valutazione adeguata delle fluttuazioni giornaliere presenti. Le singole riprese verranno quindi trasmesse ìn modalità crittografata alla Stazione del Reparto Ospedaliero di riferimento. I medici referenti  utilizzeranno il giorno successivo alle riprese  per la valutazione delle fluttuazioni osservate e per eventuali comunicazioni – correzioni di terapia.

La strumentazione video, di proprietà dell’Ospedale, rimane circa 30 giorni a casa del paziente. Dopo 4 settimane di terapia video sorvegliata, il paziente si ripresenta in Ospedale, dove ha luogo una valutazione dei successi terapeutici e una pianificazione dei passi successivi. 

I vantaggi di questo Servizio di Telemedicina devono considerare il minor numero di giornate di degenza ospedaliera, il minor numero di accessi impropri nelle strutture sanitarie, ma soprattutto offrono un quadro preciso del trattamento terapeutico e delle fluttuazioni motorie giornaliere ed occasionali, nell’ambiente familiare domiciliare del paziente.

 

PROGETTAZIONE DI UN'APPLICAZIONE SW PER CONSENTIRE LA COMPRENSIONE NELLA COMUNICAZIONE FRA PAZIENTI STRANIERI (EXTRACOMUNITARI) AL PRONTO SOCCORSO OSPEDALIERO

 

La crescita del fenomeno dellʼimmigrazione, unita alla secolare vocazione turistica della ns. provincia, comporta per il personale sanitario la necessità di interagire con persone di nazionalità, lingua, consuetudini diverse, che rendono necessario lʼutilizzo di strumenti condivisi a livello Aziendale, al fine di agevolare la comunicazione efficace per una corretta valutazione dei bisogni di cura e delle priorità assistenziali al momento dellʼaccesso in Pronto Soccorso.

Tale progetto prevede l’elaborazione di un’applicazione SW che consenta al paziente di potersi esprimere nella  sua lingua e al medico – infermiere di comprendere quanto viene riferito dal paziente .